Nuovo record per i Mutui

(ANSA) Nuovo record per la domanda di mutui da parte delle famiglie. In attesa di capire se lo stop delle compravendite residenziali registrato dalle Entrate nella prima parte dell’anno sia un incidente di percorso – dovuto alla maggior convenienza fiscale all’acquisto della prima casa a partire da gennaio 2014 che ha fatto posticipare molti rogiti in quel periodo – o un ulteriore stop per il mercato, il dato registrato da Crif lascia ben sperare per il trend che registrerà il resto dell’anno.

Secondo il barometro relativo al mese di maggio, infatti, l’incremento di richiesta di finanziamento rispetto a un anno prima (quando la tendenza era già tornata in positivo) è pari all’+84,5%. «Mai così bene negli ultimi 4 anni – sottolinano da Crif – ma l’importo medio rimane contenuto»: poco sotto i 22.300 euro. A influire potrebbero essere le surroghe: la quota di questo tipo di mutui non viene evidenaziata dal barometro, ma secondo altri operatori rappresenta ancora una quota consistente (o addirittura maggioritaria) del mercato.

Per quanto riguarda la durata, «ancora una volta è la classe compresa tra i 15 e i 20 anni ad essere risultata la preferita dalle famiglie italiane, con una quota pari al 24,0% del totale, seguita a ruota dalla fascia tra i 25 e i 30 anni, con il 22,1%».