Tempo di Bilanci: il carico fiscale sugli immobili

blog-ag-san-marco
Nell’immagine, un appartamento in vendita a Noventa Padovana, a 147.000 €. Esclusiva San Marco (Rif. EFVR5034)

 

La fine dell’anno, si sa, è tempo di bilanci.. La Cgia di Mestre (Associazione Artigiani e Piccole Imprese) ha reso noto attraverso il suo Ufficio Studi i dati riguardanti il gettito collegato agli immobili.

Sul patrimonio immobiliare italiano (case, negozi, capannoni, uffici, ecc.) il carico della pressione fiscale risulta pari a 40,2 miliardi di Euro: dato che risulta leggermente inferiore di 3,7 miliardi di Euro rispetto a quello del 2015. Con la Legge di Stabilità 2016 l’IUC (Imposta Unica Comunale), data da Imu, Tasi e Tari, ha infatti subito importanti variazioni. Sono stati introdotti ad esempio specifici casi di esenzione del pagamento dell’Imu e in particolare, l’eliminazione della Tasi sull’abitazione principale, che ha quindi influito positivamente sull’abbassamento della pressione fiscale.

Come si è arrivati a questo risultato?

La Cgia di Mestre ha sommato i 9,1miliardi di Euro di gettito riconducibili alla redditività degli immobili (Irpef, Ires, imposta di registro/bollo e cedolare secca), i 9,9 miliardi di Euro riferiti al trasferimento degli immobili (Iva, imposta di registro/bollo, imposta ipotecaria/catastale, imposta sulle successioni e sulle donazioni) e i 21,2 miliardi di Euro riconducibili al possesso dell’immobile (Imu, imposta di scopo e Tasi).

Se con l’abolizione della Tasi i proprietari hanno potuto rivalere un vantaggio di risparmio, con il passaggio dall’Ici (Imposta Comunale sugli Immobili) all’Imu (Imposta Municipale Propria) sugli immobili strumentali, invece, si è verificato il contrario. A seconda dell’aliquota comunale deliberata, si è assistito infatti ad un considerevole aumento del prelievo fiscale. L’ultimo anno di applicazione dell’Ici è stato il 2011, in cui il gettito ammontava a 4,9 miliardi di Euro; nel 2016 è arrivato a 9,7 miliardi di Euro.

Al contrario di ciò che è avvenuto con la Legge di Stabilità 2016, per l’anno 2018 non sono previste grandi novità sul fronte del prelievo fiscale sugli immobili: il Governo ha deciso infatti di bloccare qualsiasi aumento delle tasse locali, quali Imu, Tasi e Tari.

 

A presto!

 

daniele benettollo agenzia immobiliare san marco padova
Geom. Daniele Benetollo